Monday, January 29, 2007

Camera Tracking

Ormai ne ho parlato così tanto che penso sia ora di introdurlo.

Il Camera Tracking è un metodo per ricostruire i movimenti di camera eseguiti durante una seguenza partendo dal girato di quella stessa sequenza. I movimenti di camera vengono ricostruiti grazie ad un software specializzato nell'identificare piccole zone di colore uniforme. Ho trovato 2 software in grado di fare questa cosa e completamente gratuiti. Quello che sto usando attualmente per fare qualche test è: Voodoo Camera Tracker. Disponibile per Windows e Linux.

Le zone di colore che il software deve campionare, possono essere oggetti su una scena del tutto reale o dei segni (possibilmente di forma quadrata o triangolare) ordinatamente posizionati su un set in Blue o Green Screen.

Ho trovato online una sequenza di 150 fotogrammi, girata in Blue Screen, con apposti degli appositi segni azzurri (o bianchi?) a intervalli regolari sul telo blu: mit-4562-synth1.avi.
Ho già anche provato a fare un test (riuscitissimo!) con questo filmato utilizzando Voodoo Camera Tracker e Blender 3D.
Ma penso mi sia andata fin troppo bene. Non ho settato praticamente nessun parametro e il programma ha azzeccato i movimenti di camera al primo colpo. Per evitare di contare troppo sulla fortuna è bene iniziare a capire cosa bisogna fare sul set per facilitare il compito al nostro fido software per il Camera Tracking.
Ecco quindi un breve tutorial (purtroppo per alcuni in Inglese) sugli accorgimenti da tenere per fare un buon Camera Traking: The rules of camera tracking. Il tutorial è in formato PDF e va scaricato dal link in fondo alla pagina.

2 comments:

francesco said...

...il mio pc ha problemi a visualizzare gli esempi (si blocca il browser e vengo buttato fuori...). Ti pongo intanto un problema subito: questi software risolverebbero il problema dell'ombrello sospeso?

A parte ciò, paralavo anche oggi con Raimondo: sicuramente servono dei cieli con nuvole basse, scure e ben definite: più o meno una decina di fondi. Grazie al tuo post di ieri ho visto negli esempi che dovrebbe essere agevole...

fc

Ender said...

E' un peccato che si verifichino questi problemi. Io ho aperto praticamente tutti i link, che ho messo sui posts, sia con Linux che con Mac OS X, senza riscontrare problemi. E' probabile che la causa del tuo problema è qualche impostazione col Browser (se usi Explorer ti suggerisco di passare a Firefox, che è più veloce, più stabile e più fedele agli standard del W3C).

In quanto all'ombrello i software non ci risolvono necessariamente la cosa. Sono fatti per compiti specifici, e la loro capacità di risolvere i "problemi" dipende, piuttosto, da come noi li usiamo.

La scena dell'ombrello necessiterà almeno di Blender (che è una specie di Maya) per ricostruire l'ombrello. L'attore dovrà recitare senza nulla in mano o al massimo un bastone della lunghezza giusta.
L'uso di altri software e di altre tecniche dipende da come si svolge l'azione.
Se c'è movimento di camera, diventerà indispensabile il Camera Tracking, per far combaciare correttamente con i movimenti di camera l'ombrello ricostruito in 3D con Blender.
E, se nell'azione l'ombrello (o parte di esso) finisce dietro all'attore (se gira su se stesso o, semplicemente, lo appoggia alla spalla) saremo costretti ad usare inevitabilmente il Chroma Key, per ritagliare correttamente e velocemente l'attore dallo sfondo. Chiaramente questo comporterà anche la necessità di ricostruire in 3D il fondale.

Per quel che riguarda gli sfondi con le nuvole non dovrebbe essere difficile inserirli. Certo non sarà difficile realizzare gli sfondi 2D, con Photoshop magari ritoccando foto ecc...
Poi si vedrà se sarà necessario inserirli con l'ausiglio del Camera Tracking (in caso di movimento di camera) o se basterà inserirli in 2D.